Blog

6 Novembre 2021

La differenza tra copywriting e UX writing

Comunicazione, Consulenza, Content Creation, Content strategy, Copywriting

Ferena_Lenzi_copywriter

Se un tempo l’attività di scrivere per le aziende era appannaggio della sola figura del Copywriter, con l’avvento del digitale, il panorama della content creation ha assunto i toni più variegati e il numero di professioni legate alla scrittura è aumentato sensibilmente, portando con sé molteplici specializzazioni.

Una di queste è la figura dello UX Writer, un professionista sempre più ricercato dalle grandi aziende per operare al fianco del Copywriter. Copy e UX, per dirla in gergo, condividono il lavoro della scrittura, ma non svolgono gli stessi incarichi, perché le due professioni differiscono in maniera importante per obiettivi e compiti.

Dopo tanti anni spesi a scrivere per le realtà più sfaccettate, perciò, oggi voglio parlare proprio delle differenze tra copywriting e UX writing

Quali sono le peculiarità che distinguono una professione dall’altra? E, soprattutto, quando si parla di contenuti ben costruiti, il presupposto da cui partire non è forse simile?

Copywriting: l’arte di persuadere

Nel senso più tecnico del termine, il copywriting è l’attività orientata a produrre contenuti persuasivi e promozionali in grado di motivare le persone a compiere un’azione, sia essa un acquisto, un contatto o il rimanere nell’orbita del brand. 

Colui che svolge l’attività di Copywriter non è uno scrittore fine a sé stesso. Al contrario, è una parte integrante del team di marketing e il suo ruolo è quello di comunicare in modo efficace e mirato con il mercato di riferimento.

Dire che il Copywriter confeziona solo testi pubblicitari, tuttavia, è limitante. L’arte di scrivere per i brand è molto più che avere come unico obiettivo la conversione: significa dare forma, attraverso le parole e l’immaginazione, a tutto il mondo che ruota attorno all’azienda e ai suoi clienti, nutrendo la relazione con contenuti utili e carichi di valore, che diano voce all’impresa e sappiano coinvolgere le persone. 

La sottile arte del copywriting mescola creatività, skills comunicative e conoscenze di psicologia e risiede nella capacità di far vibrare le corde profonde di chi legge, creando consapevolezza, fiducia e una scelta reiterata nel tempo. Il tutto, confrontandosi con dinamiche quali la SEO, il digital advertising e i meccanismi di condivisione dei social media, alternate alle esigenze dei media tradizionali e della carta stampata.

Che cos’è lo UX writing

Acronimo di User Experience copywriting, lo UX writing è una forma specifica di scrittura pensata per creare la migliore esperienza possibile per l’utente, durante l’utilizzo di un’interfaccia o di un prodotto. 

Nasce dal più noto UX design, la disciplina che si occupa di disegnare l’esperienza delle persone che visitano un sito o utilizzano un oggetto, e trasla lo stesso obiettivo nella scrittura.

A differenza del Copywriter, perciò, lo UX Writer lavora assieme al team di sviluppo e semplifica i processi e i contenuti per guidare l’utente nel giusto flusso di informazioni e step da compiere. 

Per questo, quando si parla di UX writing, si parla spesso di microcopy, ovvero di tutti quei testi brevi che vengono letti con immediatezza e invitano le persone a compiere azioni o a focalizzare lo sguardo su specifiche porzioni di una pagina. 

Lo UX Writer si occupa principalmente di digitale e in particolare di:

  • Bottoni e Call to Action
  • Notifiche e pop-up
  • Istruzioni
  • Attività da compiere in più passaggi
  • Form da compilare
  • Chat-bot
  • Messaggi di errore
  • Redirect testuali

Per la lunghezza dei contenuti trattati, i meno avvezzi a questa figura possono ritenerlo un lavoro piuttosto semplice. Invece, si tratta di un compito fondamentale nel progetto di comunicazione aziendale, soprattutto nel caso di organizzazioni strutturate e con centinaia di interazioni brand-utente, perché permette di orientare il cliente e portarlo alla conversione nel modo più efficace possibile

Una riflessione sulla differenza tra copywriting e UX writing

È indubbio che esistano differenze tecniche sostanziali tra l’attività di Copywriter e quella di UX Writer e confondere le professioni è un errore che può portare a contenuti poco incisivi, troppo lunghi o troppo stringati, non adatti a supporti e media specifici.

Ciò che non dobbiamo mai dimenticare, tuttavia, è che il compito fondamentale di ogni professionista della scrittura è e deve sempre essere quello di creare esperienze: non esiste conversione senza un cliente accompagnato nel suo viaggio, e non esiste comunicazione ben confezionata che non sia pensata per chi dovrà fruire dei contenuti che escono dalle nostre penne e tastiere. 

Parlare di UX Copywriting in senso lato, perciò, significa essere consapevoli del punto di partenza comune a ogni attività legata alla scrittura: quello di guardare sempre, in primis, al lettore.

Photocredits Annalisa Durighello

Articoli correlati

Perché piace lo spot per l’Emilia Romagna?

In un mondo dove tutto compete per l’attenzione dei consumatori, anche le regioni

La necessità della bellezza

Mai titolo più bello e necessario. La lezione sulla necessità della bellezza tenuta