Blog

11 Marzo 2014

Lo stile non è acqua, così per il carattere

Comunicazione, Copywriting

caratteri bold

Mi è capitato di leggere un testo che era un’allegra gazzarra di virgolette, corsivi e grassetti e di provare un gran senso di confusione. Ci mancavano solo il sottolineato e il maiuscolo e ne sarei uscita frastornata. Perché non scrivere un veloce post sugli stili dei caratteri per fare chiarezza sulle rispettive funzioni?

Quali sono gli stili dei caratteri?

Eccoli:

  • Tondo: è il testo normale che non ha stili particolari.
  • Grassetto: le parole sono evidenziate e attirano l’attenzione. Va bene se utilizzato nei titoli o per far risaltare le parole chiave, i punti di ingresso del testo, il messaggio più importante, frasi all’inizio di ogni paragrafo. Suggerimenti:
    – non annullare lo scopo del grassetto evidenziando troppe parole o peggio frasi intere
    – è poco efficace evidenziare piccoli frammenti che, letti da soli, non permettono di cogliere il senso del messaggio.
  • Sottolineato: oggi dovrebbe solo indicare un link. Nelle mail, nei siti, nei pdf, se vediamo una sottolineatura di istinto ci andiamo sopra con il mouse: non possiamo tradire le aspettative del lettore con un “falso” link.
  • Corsivo: possiamo usarlo nel caso di parole tecniche, parole straniere o titoli all’interno del testo.
  • MAIUSCOLO: per la dimensione grafica, il maiuscolo è utile nei titoli o dove si voglia dare una particolare enfasi al testo (per esempio, ad indicare una parola urlata), ma è meglio utilizzarlo per un titolo breve perché non aiuta la leggibilità.
    Da ricordare anche il maiuscoletto: 
    è un carattere tipografico di forme maiuscole però d’altezza uguale al minuscolo che non usiamo spesso, ma che può sostituire sottolineato o corsivo. Sta bene nella gerarchia visiva di titoli e sottotitoli di un documento a più livelli, essendo chiaro e meno invasivo.

E le virgolette?

Una nota a parte meritano le “virgolette”, che devono essere usate solo:

  • nel discorso diretto
  • quando usiamo una parola in senso metaforico o in una accezione diversa da quella corrente.

Photo credits: Ferena Lenzi

Articoli correlati

Perché piace lo spot per l’Emilia Romagna?

In un mondo dove tutto compete per l’attenzione dei consumatori, anche le regioni

La necessità della bellezza

Mai titolo più bello e necessario. La lezione sulla necessità della bellezza tenuta