Blog

8 Agosto 2020

Il potere della lettura

Copywriting, Letture

stanza


Qualche settimana fa, nel supplemento del Corriere della Sera, è uscito un editoriale di Luigi Ripamonti sulla “buona” letteratura, pezzo che mi ha regalato una (l’ennesima e gradita) riflessione sulla bellezza e sulla forza della lettura, cui nel prossimo intervallo ferragostano potrò dedicare più tempo.

Perché, se scrivere è il mio mestiere, leggere è l’altra faccia della medaglia. Il flusso di contaminazioni tra scrittura e lettura è continuo, tanto che l’esistenza dell’una è impensabile senza l’altra. 

Non esiste scrittore che non sia anche un lettore.
Per natura, la parola per essere scritta deve prima essere letta, appresa e fatta propria.

Leggere un libro vuol dire prima di tutto farsi leggere. Un buon libro sa entrarti nell’anima, scardina cassetti chiusi da tempo, apre fessure su mondi mai esplorati e fa filtrare la luce da stanze ignote, che scopriamo esistere dal momento in cui ci lasciamo conquistare dalla storia. Il potere straordinario della lettura sta in questo: far riverberare dentro di noi le parole, in un abbandono tutt’altro che passivo e subordinato. È un brulicare di vite, oltre la nostra, di riflessioni, di intuizioni, di sguardi sul mondo e sulle persone. Lo slancio ancestrale dell’immaginazione. 

Citando Luigi Ripamonti, «un buon romanzo non asseconda la nostra pigrizia mentale, non ci lascia così come ci ha trovati» perché «un libro è formativo quando dà forma a chi lo legge». Leggere richiede uno slancio di fantasia: i libri entrano dentro e rivoluzionano il tuo mondo, creando mulinelli d’aria che scompigliano il paesaggio e costringono alla stupefacente esperienza di riadattarlo.

Che cosa caratterizza un buon libro, quindi?
Il potere straordinario di 26 lettere dell’alfabeto capaci di costruire e costruirti in un colpo solo.

Photo credits: Ferena Lenzi

Articoli correlati

Perché piace lo spot per l’Emilia Romagna?

In un mondo dove tutto compete per l’attenzione dei consumatori, anche le regioni

La necessità della bellezza

Mai titolo più bello e necessario. La lezione sulla necessità della bellezza tenuta